E il tempo scorre... · London's life

Autunno: telefilms a go-go

Due cose belle succedono, quando finisce l’estate.

–          I tormentoni musicali sono ufficialmente aboliti e banditi in tutti gli iPod del reame.
Basta, basta Miley Cyrus che limona pupazzi giganti (anche se ahimè, per la versione invernale, si è messa a leccar martelli), basta Taylor Swift e le sue canzoni rivendicatrici, basta anche con il rapper di turno che sfoggia culi (delle ragazze affianco a lui) perché tanto fa caldo ed è estate. Una delle prime cose a cui ho pensato quando mi sono trasferita in Inghilterra era che, almeno qui, la musica di bassa lega non mi avrebbe colpito. Invece no: le canzoni di merda vanno per la maggiore più in questo paese che nel resto dì Europa. Ok, non pensavo di sbarcare a Londra e trovare rocker alternativi su ogni canale, ma speravo almeno di allargare la mia cultura musicale con i suddetti generi e sottogeneri del rock, non con Rihanna o le Girls Aloud (che poi è la band da dove proviene quella gallina di Cheryl Cole, che noi tutti abbiamo giustamente ignorato fino a pochi anni fa).  Insomma, sono arrivata a vergognarmi della mia playlist musicale, anche se non ho tutti i torti, quando ammetto che la radio mi ha fatto il lavaggio del cervello: non c’è variazione di programmi. C’è sempre la stessa Top 40UK, tutti i giorni, tutto il giorno. Quando arrivi a sentire “I know you were trouble” cinque volte in due ore, e non puoi né spegnere né cambiare canale perché sei a lavoro, o ti adegui o inizi a inveire contro clienti e colleghi. Poi finisci con l’ “hummettare” (verbo che va ad esprimere l’onomatopeico “hmmm”) a ritmo di musica… ci infili le parole finali delle strofe… impari il ritornello… e la frittata è fatta. Vai a dormire maledicendo Taylor Swift.
Su  Sky abbiamo una discreta gamma di stazioni musicali, fra le quali Scuzz e Kerrang, che ci regalano molte perle rock e metal. Ma come è d’obbligo qui in UK, le playlist sono davvero sempre le stesse, e per quanto tu possa adorare “Californication”, sentire ogni volta che giri su Kerrang, ti fai due domande.
Io mi immagino gli studi televisivi completamente vuoti, con un cd che va a ripetizione e con lo staff che molto probabilmente è nella sala comune a mangiare bacon sandwiches e a lamentarsi di qualsiasi cosa.

–          L’autunno  alle porte mi da sempre un sacco di soddisfazione, almeno  dal punto di vista Telefilms.
Infatti, per i patiti come la sottoscritta, il periodo settembre/ottobre infonde una piacevole euforia perché finalmente, possiamo sprofondare sui nostri divano, accoccolati in una copertona e un cappuccino tra le mani, e perderci negli abissi delle nuove stagioni.
Al momento seguo dodici serie televisive,  dieci all’attivo e prossime a ricominciare. Il che significa che dovrò dare priorità a una o all’altra per evitare di diventare una sociopatica e/o farmi mollare dal mio moroso.
Glee ricomincia martedì. Inutile dire che muoio dalla curiosità di sapere come hanno mandato avanti la storia di Rachel. Lo sneak peek annuncia una puntata speciale sui Beatles, quindi molto probabilmente dovremo aspettare un paio di puntate per avere notizie del fu Finn Hudson. Non penso che lo liquidino spendendolo di nuovo all’accademia militare e ridendoci su come fece allora Rachel. Mi aspetto qualcosa di molto più delicato ma allo stesso tempo sereno. Staremo a vedere.

The Walking Dead è sicuramente l’altro telefilm a cui darò la precedenza. A parte il fatto che ho bisogno di una dose di Daryl Dixon sporco di terra, sangue e sudore (che subdole che siamo noi donne: se lo incrociassimo nella vita reale lo schiferemmo alla grande), dallo sneak peek, ho la sensazione che il virus abbia contagiato anche gli animali. E qui non c’è storia. Che fine ha fatto il Governatore? Riusciranno i nostri Eroi a spaccargli il culo? Riuscirà Rick a rinsavire?

American Horror Story, il terzo telefilm che attendo con impazienza, sarà incentrato sul tema delle streghe. Mi piace l’idea di riciclare gli attori e dargli nuovi personaggi da interpretare. Finisci con l’odiare e amare la stessa faccia.

Attendo, infine, la terza stagione di Revenge, di New Girl, di Girls, di C’era una volta e di Touch. La quinta di Modern Family. La nona di Criminal Minds.
Mancano due puntate alla chiusura ufficiale di “Breaking Bad”, che termina dopo cinque stagioni, che io e il mio moroso abbiamo divorato in meno di sei mesi.
E nel frattempo, ho incominciato a guardare “Game of Thrones, che considero stupendo, scopertami appassionata di storia medievale. Se poi ci mettiamo pure un pizzico di fantasy… questo post urla “GEEK!” in una maniera vergognosa.
Comunque  preferisco sempre aspettare a guardare le serie tv perché poi mi riduco a creare un foglio Excel per segnarmi le date di inizio delle nuove stagioni, e quali puntate devo guardare ecc. Secondo voi da dove ho preso il resoconto qui sopra? Sarei persa senza quella lista!

Basta. Per il resto odio il freddo.
Infatti fra tre giorni parto per Fuerteventura. Purtroppo sarà una permanenza di dieci giorni appena, ma è pur sempre una vacanza, ed è in un posto con trenta gradi tutto l’anno. TUTTO L’ANNO.

Annunci

One thought on “Autunno: telefilms a go-go

  1. Anche io non vedo l’ora che inizino le nuove stagioni delle mie serie tv preferite, l’autunno è bello anche per questo.
    Per quanto riguarda Glee, da quello che so il personaggio di Finn morirà, dovrebbe essergli dedicato il terzo episodio…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...