Memory Lane · Nottambulismo · Racconti

Flash #3 – Cars

 

(scroll down for English version)

 

Preferisco stare a guardare e aspettare che le cose vadano a farsi fottere da sole. Sto accumulando un groviglio di vestiti sulla sedia di fianco al letto, che stanno inevitabilmente perdendo equilibrio e crollando a terra. E ogni mattina scavalco la pila, pesco nella massa, senza distinguere se quello che mi sto infilando sia effettivamente pulito.
A volte mi fermo e mi guardo intorno e penso che non potrebbe andare peggio. Che forse dovrei dare una festa, che mi dia la spinta di mettere in ordine e far vedere ancora una volta quanto efficiente e organizzata sia la vita che conduco e quanto il palo nel culo tenga ben dritta la schiena, e quanto il mio sorriso sia spontaneamente finto, che è prova di pratica davanti allo specchio, alle 2 del mattino, o all’alba di un’ altra notte da I come insonne.
E poi, e poi sarebbe perfetto riuscire a stare nella stessa stanza senza dover fingere disinteresse e magari parlare di stronzate senza far percepire quanto tutta la messinscena sia inutile.
Che già sappiamo tutto di noi e che ce lo siamo detti al buio, alle cinque del mattino, mentre Sia canta le sue canzoni dannatamente belle e le nostre mani si cercano.
Che tanto sappiamo che non possiamo, e che le cose si fanno in due, e che il rimedio drastico è l’ignoranza reciproca.
Che tanto sappiamo che non riusciamo e che finiremo di nuovo sui sedili della stessa macchina, uno con la mente concentrata del guidatore, l’altra con lo sguardo assente sulla strada. Domandandoci entrambi quanto male ci stiamo facendo. E che incrociando i sorrisi, quei sorrisi imbarazzanti, fingeremo che no, non stiamo soffrendo, che lo vogliamo, che è meglio così, e riprometteremo a noi stessi che questa sarà l’ultima.
Sarà l’ultima sigaretta, l’ultimo bacio, l’ultima volta, l’ultima buonanotte, l’ultima notte insonne.
L’ultima decisione che abbiamo preso.
Che se magari ci fossimo detti avremmo effettivamente posto una fine.

***

I’d rather stay put and look at all the shit happening. I’m piling up all the used clothes on the chair next to my bed; they are inevitably falling down. And every single morning I skip the stack, pick up some stuff without knowing if it’s clean or not. And maybe I should throw a party, so that push me to clean up a bit and once again, show to people how efficient and organised the life I lead is, and how uptight the stick up my ass makes me look, and spontaneously fake my smile is, thanks to the rehearsals in front of the mirror, at 2am, or at the break of dawn of another sleepless night.
And then, then it would be perfect to be able to stay in the same room without pretending indifference, and maybe do the small talk without making perceive how bullshit the parody is.
Cause we already know everything about each other, that we told it all in the darkness, at 5am, while Sia is playing those damned beautiful songs and our hands reach out once again.
Cause we know we can’t be, anyway, and it always takes two, and the drastic step is mutual ignorance.
Cause we know we can’t do it, anyway, and we’ll end up again on the seats of the same car, one driving carefully, the other one looking absently at the road. Both asking ourselves how much pain we still have to feel. And that we will cross smiles, those awkward smiles, and we’ll think no, we are not hurt, that we want it, and it’s better this way, and we’ll promise ourselves that this is the last.
The last cigarette, the last kiss, the last time, the last goodnight, the last sleepless night.
The last decision we took.
That if we only told each other, we could actually end something.

Annunci

2 thoughts on “Flash #3 – Cars

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...